Carissimi,

oggi il vangelo ci presenta due atteggiamenti che possono essere presenti nel cuore di coloro che cercano di essere discepoli di Gesù di Nazareth. Questi atteggiamenti si concretizzano in due personaggi –  Marta e Maria – che accolgono ‘a modo loro’ Gesù. Certamente Gesù non vuole indicare un servizio migliore dell’altro, ma – secondo me – vuole indicare il percorso per vivere evangelicamente l’accoglienza del fratello. Continua l’educazione che Gesù fa dei suoi discepoli su chi è il prossimo e cosa significa accoglierlo. Questo perché può sorgere un problema di verità quando ci lasciamo prendere dall’attivismo e dall’efficientismo che, facendoci trascurare la preghiera e l’ascolto della Parola di Dio, ci portano a perdere di vista per chi facciamo tutto quello che facciamo! La scena è familiare: Maria, contravvenendo alle regole tradizionali, è seduta ai piedi dell’amico e di beve tutte le parole del Maestro, i discepoli tutt’intorno ascoltano, Marta, la generosa, è sola nella sua cucina indaffarata a preparare qualcosa da mangiare. Maria, seduta ai piedi di Gesù, ascolta la sua parola; Marta si affanna e si agita per molte cose! Ecco i due atteggiamenti che ad una prima lettura sembrano antitetici. In realtà mi piace pensarli in correlazione: Gesù non contraddice il servizio di Marta, non condanna il cuore generoso, ma vuole ridimensionare l’affanno e l’agitazione che le impediscono di vedere di che cosa Gesù abbia bisogno. Sembra ripetere a tutti noi: attento a un troppo che è in agguato, che può sorgere e ingoiarti e ti fa distogliere lo sguardo dal fratello; Gesù sembra ricordarci che prima vengono le persone, poi le cose….quante volte diciamo ‘vorrei passare un po’ di tempo con te, ma ho troppe cose da fare, non ho tempo’….Gesù ci dice: Maria ha iniziato dalla parte giusta il cammino che permettere di accogliere la persona e di accogliere Dio; Maria ha iniziato il suo cammino dall’ascolto della Parola mentre Marta, per la sua agitazione, è impedita nell’ascolto…..che ciascuno di noi possa anche ri-iniziare così per incontrare in modo autentico e vero il fratello, per vivere in modo autentico e vero l’amicizia!

con amicizia

don ezio

Webcam
Previsioni Meteo