Carissimi,

il nostro cammino verso Pasqua si fa sempre più intenso e oggi il vangelo ci presenta il centro di tutto il messaggio di Gesù: “Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna“. Quale grande messaggio! La notte di Nicodemo e le nostre notti si illuminano: qui possiamo veramente rinascere, qui possiamo veramente convertirci: rinascere alla fiducia, alla speranza, alla serenità, alla voglia di amare e di lavorare per il suo regno. Il mondo, noi stessi, spesso ci siamo allontanati da Dio, lo abbiamo abbandonato e addirittura offeso, ma Dio, che avrebbe potuto farcela pagare cara e lasciare l’umanità alla rovina, continua a farsi vicino e solidale con noi fino a prendere su di sé il castigo che ci meritiamo e donarci nuovamente il suo amore. Il suo amore, che alcune volte facciamo fatica a comprendere e del quale, di fronte a sofferenze e prove, ci viene anche da dubitare. Il suo amore ha infinite risorse ed è orientato in modo che alla fine tutto cooperi al nostro vero bene. ‘Dio ha amato’: un passato che perdura e fiorisce nel mio oggi e mi dice ‘tu sei amato’. E’ la lieta notizia che dovremmo ripeterci ad ogni risveglio, all’inizio di ogni nuovo giorno, di fronte ad ogni difficoltà, ad ogni sfiducia! Dio ha amato tanto da dare’: l’amore di Dio sfocia nel ‘dare‘, vale a dire ‘ha amato così tanto da donare, da donarsi’; non è venuto per giudicare o per punire o mettere paura. E’ venuto per donarsi totalmente! A Dio non interessa istituire processi contro di noi: la vita dell’amato non è frutto di sentenze di tribunale, ma è abbraccio amoroso così intenso che anche ogni mio gesto di cura, di tenerezza, di amicizia porta la forza di Dio. Allora anche noi siamo inseriti in questa dinamica di amore: non siamo chiamati a salvare il mondo (l’ha già fatto lui!), ma ad amare il mondo, questo nostro mondo, come ama lui. Allora in questo contesto acquista senso l’invito a ‘guardare a colui che è innalzato’: vale a dire tenero lo sguardo fisso sul suo modo di amare, donandosi, per essere capaci anche noi di fare come lui, sempre.

con amicizia,

don ezio

Webcam
Previsioni Meteo