Miniguide

santuarioa03“Come un calice, la valle ecco s’apre in ampia conca: prati e monti fan corona a un solenne antico Tempio…”

Cosi’ canta il poeta. Ma dopo la stretta e rupestre “comba” da Pradleves a Campomolino e su su fino alle “bastìe” tra Chiotti e Chiappi, affacciandosi all’anfiteatro dell’alta Valle Grana, tutti si resta affascinati.
L’orizzonte s’allarga e si distende in più dolce degradare di prati e pascoli verdissimi anche in estate inoltrata, una ghirlanda di vette d’ogni foggia, dirupate o aguzze, o facili e quasi famigliari: al centro, come incastonato in uno smeraldo, il Santuario, solitario e imponente nel suo biancore. E’ una mole grandiosa, ingentilita da tutto un festone di archi e pilastri, da cui sembra emanare una forza calma e sicura: la forza della Fede che la eresse nei secoli.
Pochi, o nessun altro Santuario sorge, cosi’ isolato e imponente, in una cornice naturale altrettanto appropriata.
Continua a leggere

Webcam

Previsioni Meteo